La Tenuta

Descritta come "il segreto meglio mantenuto d'Italia", l'Umbria è un idillio rurale italiano, una regione con del cibo e una produzione di vino eccezionali, verdi pianure ondeggianti e borghi tradizionali. Qui i giorni vanno a rilento; una vita che non è praticamente cambiata nel corso di 500 anni, con del buon cibo e dei momenti di qualità con gli amici e la famiglia.

Sono stati questa autenticità e questo carattere che hanno ispirato i proprietari ad investire in Torre Bisenzio. Una ex tenuta agricola fatiscente, ricca del fascino e della tradizione umbra, nel corso degli anni ha riguadagnato il suo posto nella regione: una azienda agricola biologica funzionante.

La tenuta si dedica alla preservazione delle razze storiche autoctone. Il bestiame bianco che punteggia i campi appartiene a una razza antica, allevata in Toscana, Umbria e Lazio da oltre 2000 anni. Il manzo della Chianina è famoso per la sua qualità e per il suo valore nutritivo e viene utilizzato nella preparazione della famosa e super bistecca, “bistecca alla fiorentina”. Torre Bisenzio è stata un valido aiuto nell’aumento della popolazione della Chianina nella zona, e vanta adesso una vigorosa mandria di 125 capi che vaga per il podere.

Con 650 alberi di ulivo, un ettaro di vigneto e 450 ettari di terreno, l'azienda produce anche ortaggi biologici, vini rossi e bianchi, un profumato olio di oliva di alta qualità e zafferano di un rosso intenso.

 

Gli ospiti possono esplorare il cuore dell'Italia senza lasciare la tenuta, trascorrendo le ore a girovagare per gli uliveti e i vigneti o a visitare la produzione del vino e dell’olio. Dei semplici sentieri sterrati attraversano i campi; un percorso delicato attraverso il patrimonio rurale dell'Umbria.

Storia della zona e della nostra tenuta

Quattro milioni di anni fa durante l'età medio-pliocenica (5,5-2,6 milioni di anni fa), questa parte della media valle del Tevere era coperta da un mare poco profondo che lambiva i lati della catena appenninica. La graduale ritirata del mare era già iniziata a quest'ora a causa di movimenti tettonici, causando un sollevamento generale dell'area. Si ritiene che le origini della città di Orvieto siano una massa di roccia tufacce generata dal grande cratere che ora è il lago di Bolsena dalla stessa attività vulcanica. Recentemente archeologi dell'Università di Perugia hanno scoperto i resti fossilizzati di capodogli ai confini della nostra proprietà, che è ora esposta al Museo Allerona.

Oggi la proprietà è situata nel "triangolo benedetto" del confine tra Umbria, Toscana e Lazio, che è essa stessa nel cuore del Sistema territoriale di interesse naturalistico ambientale (STINA). Occupa una vasta area (44270 ettari) nella parte centro-occidentale dell'Italia. All'interno del parco sono presenti tre distinte aree naturali protette: Allerona-Selva di Meana, Melonta-Bosco dell'Elmo e San Venanzo. L'area di Allerona-Selva di Meana è la più grande (3.255 ettari) che confina a sud con il torrente Paglia e confina a ovest con la riserva naturale del Monte Rufeno, nel Lazio e comprende il parco di Villalba. Storia recente della proprietà della tenuta di Torre Bisenzio:

  • XIV e XV secolo: la Detta Della Torre de Oreste (la tenuta della Torre di Oreste)
  • XVI e XVII secolo - proprietà del Conte di Bisenzio, discendenti del Conte Aldobrandeschi la cui storia familiare risale all'VIII e al IX secolo. Il membro più famoso fu Guglielmo Aldobrandeschi, che visse nel XIII secolo e citato da Dante Alighieri e Papa Gregorio VII come Gran Tosco (il "Grande toscano"). Il conte Silvio era stato amministratore delle entrate dei fondi per costruire la cattedrale di Orvieto tra 1571 e 1582.
  • Dal XVI al XIX secolo - tra il 1573 e il 1819 vi era una chiesa nella proprietà Ecclesia Sancti Ioannis Baptiste Turris Bisentiae (Chiesa di San Giovanni Battista di Torre Bisenzio). Era solito dire messa per le anime della famiglia il 29 agosto, il giorno in cui si celebrava la decapitazione di San Giovanni Battista. Si trovava adiacente all'edificio orientale, vicino all'attuale piscina.
  • XVIII secolo - La proprietà fu venduta a Francesco Costarelli da Fabro, un grande proprietario della zona, che trasformò l'edificio della chiesa in un granaio. La vendita avvenne con l'estinzione di un debito dovuto a 1080 scudi da Carlo di Bisenzio, che era stato prefetto consolare del distretto di Orvieto durante la Repubblica Romana (1798-1799). Durante questo periodo la maggior parte del terreno era costituito da boschi di querce o incolti e utilizzati per il pascolo, con una piccola parte utilizzata per i vigneti.
  • 21st Century - Neena e Mike Rees acquistarono la tenuta di Torre Bisenzio nel 2003, quando era in uno stato di completa rovina. È stato restaurato con passione alla sua originaria grandezza combinando il meglio dei materiali locali con il design e la tecnologia moderna. Parte della ricostruzione comprendeva investimenti in fattorie che allevavano le mucche autoctone di Chianina, insieme a 3 ettari di vigneti, 6 ettari di uliveti (650 alberi) e un'azienda vinicola.

I piani per lo sviluppo includono ulteriori aree di vigneti e una nuova cantina con una sala degustazione in Casa Alta.

Tutta l'acqua della proprietà proviene da pozzi sotterranei e l'elettricità prodotta dai pannelli solari sui fienili.

L'intera proprietà è gestita in base a un forte senso dei valori e alla connessione con la comunità locale, compresa la sostenibilità ambientale con la proprietà e i suoi prodotti sono certificati biologicamente.




Razze rare

La Chianina è una razza italiana di bovini da carne ed è una delle più antiche del mondo.  La famosa bistecca alla fiorentina viene prodotta con la sua carne.

Organic Farming

Agricoltura biologica

La tenuta ha una produzione propria di ortaggi biologici ed erbe aromatiche, vino, dal suo piccolo ettaro di vigneti, e anche una varietà di zafferano di alta qualità, molto profumato e di un rosso intenso.

Torre Bisenzio Olive Grove

Uliveti

La tenuta produce olio d'oliva da 650 alberi di ulivo.